HomeNews dai comuniToscanaDati immigrazione

 

 

         

Presenza degli stranieri nel territorio della regione Toscana

Al 31 dicembre 2020 gli stranieri residenti in Toscana sono 425.931.
Con un'incidenza dell'11,5%, sul totale della popolazione residente, valore ampiamente superiore alla media nazionale (8,7%), la Toscana si conferma tra le principali aree d'immigrazione del Paese.
 
Quasi un terzo della popolazione straniera residente in regione vive nella provincia di Firenze (133. 387), con un'incidenza sulla popolazione regionale del 13,3%. Segue Prato con una presenza in valori assoluti minore (59.151) ma con un'incidenza più alta (22,3%). A Pistoia, Pisa, Arezzo, Siena e Grosseto l'incidenza della popolazione straniera è leggermente inferiore alla media regionale (10,2%, 10,1%, 10,6%, 11,2%, 10,2%), mentre le province con la minore incidenza sono Lucca (8,3%), Livorno (8,2%) e Massa-Carrara (7,5%).

La componente femminile è maggioritaria in tutte le province tranne che a Prato dove la presenza maschile è leggermente superiore (51,2%).
 
La cittadinanza maggiormente rappresentata è la rumena (73.963 residenti, il 17,4% degli stranieri residenti in Toscana). Seguono cinesi (73.684, il 17,3%) e albanesi (59.259, il 13,9%).
 
Confrontando la composizione a livello di continenti, appare particolarmente significativa la presenza di cittadini originari dell'Asia (130.656, il 30,7% dei residenti stranieri) dovuta soprattutto alla consistenza della comunità cinese, e dell'Europa (101.219 cittadini UE e 98.485 cittadini non UE), unita ad una più bassa incidenza di cittadini provenienti dall'Africa (67.346, il 15,8%).
 
Negli ultimi anni la crescita della popolazione straniera è andata attenuandosi ma vi è stato un aumento della propensione all'insediamento stabile. Se ai titolari di un soggiorno di durata illimitata si sommano i non comunitari con un permesso a termine, ma che presuppone una permanenza di lungo periodo (lavoro e famiglia), si arriva al 92% dei cittadini non UE regolarmente presenti in Toscana.
 
Inoltre, gli studenti stranieri iscritti all’a. s. 2019/2020 sono stati 72.919, in crescita rispetto all’anno precedente (+1,8%) e pari al 14,5% della popolazione studentesca totale (4,2 punti percentuali al di sopra della media nazionale). Di questi il 68,5% è nato in Italia.
 
Il processo di radicamento territoriale è confermato anche dall'incremento delle acquisizioni di cittadinanza italiana, che nel 2020 sono state 13.043, il 17,1% in più delle 11.139 dell’anno precedente e il 39,5% in più rispetto alle 9.349 del 2018.